L’innovazione va raccontata altrimenti non esiste

L’innovazione va raccontata altrimenti non esiste

Raccontare l'innovazione

Lasciami sottolineare ancora una volta quanto sia importante creare una cultura aziendale che ispiri sia il lavoro di squadra che lo spingersi un po’ più in là;  è un fatto che le aziende che incoraggiano queste azioni sono quelle dove le persone fanno un lavoro migliore e che riescono a produrre innovazione.

Quello di cui mi sono accorta è che perché questa attitudine si concretizzi, celebrare e godere dei piccoli e dei grandi risultati fa parte del gioco.

 

Purtroppo però la tendenza vede le aziende orientate alla creazione di contenuti rilevanti e di valore da spendere solo nel percorso di vendita, contenuti che rendono il processo di acquisto più accattivante possibile, contenuti di marketing che attraggono potenziali clienti, che attivano una narrazione che faccia da strategia per incentivare le vendite.

Non ci si preoccupa invece di scrivere la storia aziendale dando voce a ogni reparto, come parte attiva del suo successo, facendo parlare cioè le singole persone.

Peccato! Perché è proprio dietro questo sforzo che si nasconde il valore dell’innovazione.

Per costruire e condividere gli obiettivi di business con tutto il team aziendale, per narrare l’innovazione, serve puntare alla comunicazione interna, all’educazione e alla collaborazione.

Ti svelo una cosa che ti sembrerà scontata: i dipendenti che lavorano perché obbligati a farlo, non sono dipendenti felici, non provano entusiasmo nel soddisfare il loro responsabile o nel vedersi aggiungere del lavoro.

Ciò che invece li rende dipendenti sereni, pronti a spendersi per l’azienda, è sforzarsi di capire il loro punto di vista.

 

Quali che siano le motivazioni dei dipendenti è importante rendersi conto che per ottenere la loro fiducia e la loro collaborazione serve fare appello al loro cuore e alla loro testa contemporaneamente, proprio come si fa con i clienti. Non sono nuovi incentivi e nuove responsabilità a fare la differenza, è il coinvolgerli nel racconto che renderà l’azienda grande, è renderli parte di quel successo, è farli protagonisti attivi del cambiamento, che pone le basi per una cultura dell’innovazione, dove i miglioramenti e l’impegno dei dipendenti aggiungono valore al prodotto e/o al servizio e di conseguenza all’azienda.

 

Lo sforzo da fare è ciò che io chiamo “storytelling interno” cioè tirare le fila per una narrazione aziendale, usando in modo integrato gli strumenti di comunicazione interna già esistenti: dagli incontri dedicati, alle pareti (io le uso spesso!) per appendere mappe mentali, canvas, dalla lavagna a fogli mobili usata durante i corsi di formazione. Leggere tra le righe il racconto interno all’azienda dà voce a tutti: più la comunicazione sarà trasparente, più i dipendenti aiuteranno l’azienda a crescere sentendosi liberi di esprimersi creativamente.

Se ti stai chiedendo da dove cominciare, io ti suggerisco di partire da qui:

 

1. Tieni informata la tua squadra

Condividi i valori aziendali, la storia del marchio e la strategia. Questo aiuta il team a trovare il suo ruolo all’interno della tua storia: informalo con le newsletter, i social network, proponigli dei corsi di formazione, crea un podcast interno. Più informazioni gli dai per riconoscere i risultati e analizzare le opportunità più sarà motivato a condividere con te nuove idee. È un modo facile e intuitivo di fare brain-storming, non trovi?

 

2. Dai voce alla tua squadra

Ascolta i membri del tuo team, trova un momento per ascoltare le loro idee. Solo così sosterrai la loro creatività.

 

3. Spingili a crescere

Ogni persona sarà spinta a darti una mano da una motivazione diversa, non importa quale, tu sostieni il suo sforzo perché questo farà la differenza nella costruzione del marchio. Questa personalizzazione dei contenuti, spingerà anche il cliente finale a voler sentirsi parte di questo racconto.

 

4. Premia i risultati

Celebra le storie di successo, i miglioramenti, i processi che portano all’innovazione coinvolgendo anche chi non prende decisioni strategiche. La maggior parte delle persone ha la necessità di capire lo stato dell’arte e la visione dell’azienda per cui opera. È fondamentale creare un “sense of purpose”, cioè creare un senso comune fatto di intenti, ambizioni, determinazione e ispirazione insieme.

 

5. Nulla è scontato

Non dare per scontato gli sforzi. In azienda spesso ascolto storie bellissime che non vengono valorizzate, perché vengono date per scontate o perché fanno parte del passato, e i “vecchi” dimenticano di raccontarle ai nuovi arrivati. È bene ricordare le tappe che hanno portato l’azienda lì dov’è.

 

6. Stacca la spina

Crea dei momenti informali per facilitare le relazioni tra le persone del tuo team, è importante che le persone si conoscano fra loro e formino divertendosi* nuovi ricordi che abbiano come filo conduttore anche l’azienda.

Sì, inviami la newsletter e l’e-book in regalo:


Sei a un passo dal tuo regalo →


 

No comments

Leave a reply

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *